Caro amico… ti piacerebbe fare una vacanza divertente su una bella isoletta? Pensa, che meraviglia: il mare, il sole e… qualche topo e foca come amici! Certo, per ora questo viaggetto sarà solo virtuale, è vero, ma… meglio che niente, no? Ebbene, sappi infatti che questo luogo esiste sul serio e tra l’altro non si trova dall’altra parte del mondo, ma in Toscana! Infatti, nel Mediterraneo e precisamente all’interno del Parco Nazionale nell’Arcipelago Toscano, puoi trovare niente di meno che… l’Isola dei topi!! Già, proprio così! E allora… iniziamo uno dei nostri viaggi insieme!

TOSCANA, TOPOTOMA

Un posto davvero magico!

Intanto devi sapere che Tupun è convinto che il posto si chiami così perché pieno di formaggio e che, di conseguenza, ci vadano un sacco di topi. In effetti non ha proprio tutti i torti, perché di roditori ce ne sono parecchi, ma… di tomini non molti!! In compenso, anche se raramente, è possibile fare la conoscenza di qualche capretta portata al pascolo dai pastori e di… un animaletto simpatico e giocherellone: la foca monaca mediterranea. Che però, purtroppo, è un animale a rischio d’estinzione.

Pronto alla partenza? E allora, andiamo!

Se quindi ti capiterà di passare per quelle magnifiche zone, intorno all’Isola d’Elba, non scordarti di questa “chicca”! Pensa che per arrivarci, sarà sufficiente prendere una barca al porto di Cavo, che si trova proprio sull’Elba!

Esploriamo anche i dintorni: ne vale davvero la pena!

Certo, io poi sono sicuro che un curiosone come te non possa accontentarsi qui, vero? E allora, sai che ti dico? Che di altre terre emerse fantastiche in questa parte d’Italia, ce ne sono veramente tante! Le mie preferite sono 4, tutte circondate da un mare stupendo!

  • L’isola del Giglio (la seconda per estensione di tutto l’Arcipelago Toscano, dopo l’Isola d’Elba: ti offrirà divertimento e mare cristallino)
  • L’isola di Montecristo (probabilmente l’isola più inaccessibile tra quelle dell’Arcipelago, anche per tutelare il suo status di Riserva Naturale Biogenetica)
  • L’isola di Giannutri (chiamata anche l’isola di Artemide, dal nome della Dea, grazie alla caratteristica forma a mezzaluna del suo territorio)
  • L’isola di Capraia (dove potrai fare escursioni e bellissime passeggiate nella natura)

Il viaggio in Toscana continua anche… in cucina!

Hai visto, che luoghi meravigliosi?! Eh, sì: la Toscana è davvero un bel posto! E pensa che non offre solo bellezze naturali e tanta cultura, ma pure del cibo buonissimo e sano, che puoi anche imparare a preparare da solo. Vedrai: così diventerà ancora più appetitoso! Guarda ad esempio che squisitezza questa ricettina che ti insegno adesso!

Prepariamo insieme i Topini toscani

Sto parlando di una vera delizia, conosciuta in tutta Italia, ma che in Toscana è chiamata in un modo speciale: i topini! Un indizio? Sono di aspetto tondeggiante e morbido, piacciono a grandi e a piccini e di solito vengono a farci visita ogni giovedì!

Ti stai chiedendo ancora chi siano questi topini toscani? Un altro aiuto?! Posso ancora aggiungere che sono veramente buoni e che a tavola… amano stare vicini vicini!! Ti arrendi? Allora, ti svelo il mistero: in tutta Italia son conosciuti con il nome di gnocchi e vengono fatti con patate e farina!!!! In Toscana invece, o meglio nell’aretino, preferiscono chiamarli “topini”! Per prepararli puoi usare le farine che ti piacciono di più (meglio se Bio!): quella di frumento, di riso, o semola. Se poi aggiungi all’impasto delle verdure avrai degli gnocchi (o topini!) colorati. Gnocchi verdi utilizzando spinaci, arancioni se all’impasto metti zucca, carote o zafferano, rosa o violaceo se usi la barbabietola. Possono venire serviti come primo, come piatto unico o come contorno e si possono condire in tanti modi: con i formaggi fusi (clicca qui per saperne di più!), con burro e parmigiano, con le verdure, con il ragù… SLURP! Che fame!!

Ecco i tuoi ingredienti…

Come fare gli gnocchi in casa? È davvero facile, e anche gli ingredienti sono semplicissimi! Per i tuoi topini per 4 persone, infatti basteranno:

  • 150 g farina 0
  • 1 Kg di patate
  • sale

… ed il procedimento!

  • Lava per bene le patate e falle bollire in abbondante acqua salata per almeno una mezzora (verifica comunque sempre che siano belle morbide, prima di scolarle!). Lascia pure la buccia durante la cottura: la toglierai quando si saranno intiepidite!
  • A questo punto puoi schiacciarle con un schiacciapatate e salarle leggermente.
  • Ora arriva il bello: aggiungi a poco a poco la farina ed impasta tutto fino a quando sentirai un composto liscio e compatto.
  • Con l’impasto forma dei bastoncini della stessa lunghezza e spessore (ricordati anche di infarinare il tavolo, per evitare che l’impasto ci si appiccichi sopra).
  • Ora taglia ogni bastoncino ogni 3 cm ed avrai pronti i tuoi topini!
  • È finalmente giunto il momento di cuocere gli gnocchi in acqua salata e di tirarli fuori appena vedi che vengono su a galla (dovrebbero bastare un paio di minuti!) Mi raccomando, durante questa operazione fatti aiutare da un adulto: l’acqua bollente può essere davvero pericolosa per un topino ancora inesperto! E non bisogna mai vergognarsi di chiedere aiuto quando si è in difficoltà!
  • Non ti resta che condire i tuoi topini con la salsa che preferisci e… papparteli tutti!!! Buon appetito!!

TOSCANA, TOPOTOMA

A presto, con tante nuove sorprese!

Allora, approfitta di quest’idea e il prossimo giovedì, come vuole la tradizione, prova questa ricettina, magari prima di scoprire i nuovi giochi che proprio quel giorno trovi sempre sul mio sito! Buona settimana!